Brecciolino

Ciclisti uccisi dai fulmini, il meteorologo Andrea Giuliacci a Vitadueruote: «Nessun vero aumento del rischio, stessi pericoli per pedoni e motociclisti»

I ciclisti uccisi dai fulmini è un tema di attualità e, confessiamolo, ci inquieta pure parecchio. Mai come in questa coda d’estate i media si sono dedicati con solerzia a raccontarci dei casi di vittime colpite da temporale. Bene, informare sui possibili rischi è doveroso, a patto che però non si torni ad applicare logiche e schemi perlomeno un po’ dubbi. Come in questo caso secondo cui l’auto salva e l’ebike uccide.

Prendiamo il caso di un noto quotidiano nazionale (di Roma) di cui riporto il relativo screenshot:

Bene, anzi male, penso mentre scorro il titolo. Vado in ebike e nonostante mi doti sempre del miglior equipaggiamento possibile, ora che ho letto questo titolo non mi sento più tanto sicuro come prima; né io né tantomeno la mia piccola con cui pratichiamo bike to school e bike to shop un giorno sì e l’altro pure. E come me chissà quanta altra gente rimarrà si sentirà vittima predestinata: in pratica tutti coloro che lavorano nei comparti della ciclologistica, del delivery. Chissà – dispero – da adesso in poi cosa accadrà in Inghilterra: lì piove sempre! Andranno tutti a casa e dovranno reinventarsi un posto di lavoro.

L’equivoco che l’auto salvi e l’ebike uccida

Il pezzo, del resto, parla chiaro: il noto quotidiano ha interpretato l’esperto del Cnr che illustra il vademecum con le raccomandazioni su cosa fare in caso ci trovassimo alle prese con un temporale. Sacrosanto. Comincio a leggere il pezzo già mentalmente condizionato dal titolo che raccomanda l’uso dell’auto a scapito dell’ebike, ma poco dopo mi accorgo che i conti non tornano. Leggere per credere.

Nel corsivo sotto il titolino separatesto – che dovrebbe giustificare il titolo d’apertura – leggo ‘andare in bici (e in moto) è pericoloso’. Ma davvero? E in che senso? In realtà, spiega l’esperto nelle righe seguenti,  non è più pericoloso dell’andare a piedi o, appunto, in moto.  Ma nel titolo d’apertura, e qui siamo alle solite (!) a ricevere il pugno nell’occhio sono solo ciclisti e ciclomobilisti, con la specifica che si è salvi soltanto in auto. Eppure il testo indicato perfino l’aereo quale mezzo sicuro.

La verità? In ebike nessun rischio maggiore

Per l’occasione anche Vitadueruote ha chiesto a un esperto, e che esperto (!) se c’è un’effettiva correlazione tra ebike e fulmini. In proposito abbiamo interpellato il professor Andrea Giuliacci, probabilmente il più noto meteorologo del nostro tempo (meteo a sua volta dannatamente incerto) nonché tra i maggiori climatologi d’Italia. Andrea Giuliacci, inoltre, è anche docente di Fisica dell’Atmosfera all’Università Bicocca di Milano. Ca van sans dire.

E’ proprio il professor Giuliacci a rassicurarci, leggete qua: «Le forze in gioco in un temporale (in particolare i campi elettrici) sono enormemente più grandi di quelle che alimentano una e-bike, per cui NON vi è un vero aumento del rischio nell’utilizzare tale mezzo (da notare il NON espresso a caratteri cubitali ribadito dallo stesso prof., così da ribardirne l’importanza, ndb). La stessa cosa dicasi per il metallo di cui sia eventualmente costruita la bici».
L’esperto, insomma, oltre a rincuorarci sulla parte elettrica,  sfata anche il tabù dei metalli contenuti nell’ebike, una cantilena riportata nella narrazione mainstream di queste ultime ore.  La questione preminente, semmai, risiede nel cosiddetto “effetto-punta” per cui «un ciclista, soprattutto su un terreno piatto, rappresenta una discontinuità che si allunga verso il cielo e che quindi (per vari motivi) viene visto dal fulmine come via preferenziale per scaricare a terra: tuttavia ciò vale anche per un pedone, un motociclista, etc etc». Ipse dixit.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.