Andare in bicicletta una volta tanto, per niente oppure tutti i giorni? Ad esempio come da bike to work o per andare a fare la spesa in bici, perché no?! A Opinioni Incluse, rotocalco in streaming a due ruote lente, ecco tre esempi virtuosi: Giovanni Mandelli, giovane architetto da Olgiate Olona (in provincia di Varese), ideatore del progetto Strada per tutti con cui promuove la sua MonthBikeChallenge, che calcola i chilometri percorsi e ci svela quanto risparmiamo in emissioni Co2 e danari al mese; Nicola Gobbi di Ciclisti Urbani a Rimini e Simone Glielmi, Urban Bike Courier romagnolo per il brand Urbico.

I tre in collegamento, bontà loro, non arrivano neppure a novant’anni di età complessiva, ma proprio per questo testimoniano come la bicicletta, nel 2022, non sia più da considerarsi un passatempo riservato solo a chi è avanti con gli anni e vuole tenersi un po’ in forma, bensì un vero e proprio strumento di locomozione nella vita (anche lavorativa) di tutti i giorni.

«Alla MontBikeChallenge – spiega Giovanni Mandellisi partecipa contando i chilometri percorsi nei tratti urbani, per andare al lavoro o fare la spesa, e alla fine del mese si sommano i chilometri moltiplicandoli per due coefficienti: uno serve per calcolare il risparmio economico, l’altro ci informa su quanti chili di Co2 sono stati risparmiati per aver lasciato l’auto a casa. Nel 2021 la nostra community ha percorso oltre 71mila km, risparmiando 29mila euro tra carburante e manutenzione del mezzo».

«Purtroppo a Rimini non va tutto bene – sospira Nicola Gobbi di Ciclisti Urbani a Rimini – nonostante abbiamo il sole e il mare e la città sia dunque davvero a misura di bici. E’ stata creata la Cosnulta della Bicicletta, un organo appunto consultivo che consente di lavorare assieme a tecnici e assessori sulle infrastrutture esistenti e quelle future. Ma siamo ancora agli inizi e da una parte va sviluppata la rete degli attivisti per farsi sentire, dall’altra abbiamo bisogno di un’amministrazione capace di ascolto e attenzione, cosa che purtroppo manca ancora».

«Quando lavoriamo ci divertiamo spesso a osservare le macchine ferme in coda – racconta l’urban bike courier Simone Glielmi, ridendo sotto i baffi – e spesso passiamo anche all’interno dei parchi. A proposito: sarebbe bene togliere un po’ di tornelli messi per ostacolare il passaggio dei motorini, che tanto passano comunque, così da semplificare il nostro lavoro».

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.