Fatti e Mestieri

Spoleto-Norcia in bici, Sandro e amici lungo la vecchia ferrovia dismessa

Spoleto-Norcia in bici eccome, visto che si passa attraverso la vecchia ferrovia ora dismessa. E’ uno dei tanti capolavori all’italiana, che però stavolta non finisce a ramengo con il solito scheletro dell’infrastruttura cannibalizzato di tutto nel corso degli anni ma, al contrario, arricchito, impreziosito, dal passaggio di decine di cicloturisti che la riportano a miglior vita.

Tra questi Sandro Capobianchi , che anzitutto ha voluto raccontare la sua bella esperienza sul bel Gruppo Facebook Fuga da Roma senz’auto, poi lo ha fatto anche sul blog Vita a due Ruote. In più, ha pubblicato delle belle foto: un micro tour in bici di due giorni grazie alla formula collaudata treno+bici.

L’ex meravigliosa ferrovia che collega Spoleto a Norcia si può percorrere benissimo in bicicletta anche da soli: se siete a Roma potete partire e addirittura rientrare lo stesso giorno. «Penso che questo tratto sia uno dei più belli e gratificanti percorsi ciclo-turistici che si possano compiere nel nostro Paese – racconta Sandro – con incredibili potenzialità di attrazione turistica. Basterebbe solo provare a riaprire qualche galleria chiusa e mettere qualche tratto in sicurezza (altro che la ciclabile San Candido – Lienz) . Io e il mio gruppo abbiamo percorso l’itinerario cercando di rimanere il più possibile nella sede della ex ferrovia: non è stato possibile farlo solo per 4/5 chilometri, tra Cerreto di Spoleto e Serravalle, poiché la ferrovia è stata inglobata nella nuova strada statale oppure si è persa tra la vegetazione, se non addirittura franata».

E com’è il percorso? Si sopravvive? «Non è affatto duro, le pendenze sono quelle ferroviarie, quindi continue e mai forti. Vi occorrerà una buona dose di luce per le numerose gallerie che percorrerete e anche una giacca. Per mangiare potete prendere qualcosa ai bar/ristori di Sant’Anatolia, sempre aperti (consiglio: non fermatevi al primo, ma attraversate la statale). Consiglio vivamente di fare una deviazione a piedi verso le gole e il ponte Romano prima della galleria Biselli».

La ferrovia Spoleto Norcia è stato definito da molti un capolavoro ingegneristico degli inizi del secolo scorso. Per unire questi due paesi si costruirono a suo tempo 24 ponti e 19 gallerie, alcune elicoidali, in modo da attenuare le pendenze. «Percorrere questo tratto – conclude Sandro – non è solo appagante dal punto di vista naturalistico, ma è un vero viaggio nella storia. Si pedala immersi nel verde, spesso adiacenti a fiumi: prima il Nera e poi il Corno e su gole strette dalle pareti strapiombanti, dove solo pensare di costruire la ferrovia in quel punto, fa venire i brividi».

Treni e orari

Andata: treno da Roma Termini a Spoleto ore 6,57 arrivo ore 8,35 oppure ore 8,00 arrivo ore 9,37 (dal lunedì al sabato). La domenica partenza ore 8,15 arrivo ore 9,56
Ritorno: Bus&Bici con 6 posti bici da Norcia per Spoleto, solo uno nel pomeriggio: dal lunedì al sabato ore 15,40 – la domenica alle ore 17,45 e poi treno per Roma (diversi in base al giorno di partenza)
Importante: Il Bus&Bici parte anche tutti i giorni alle 10,00 dalla stazione di Spoleto per Norcia, potreste fare anche la tratta al contrario: troverete meno salita e non sarete condizionati dal bus di ritorno.

Buona strada a tutti!!

Potrebbe anche interessarti...

1 commento

  1. Considerando i tratti in sterrato è più una pista da mountain-bike che una pista ciclabile. Con una bici da corsa ci foro almeno 10 volte. Sarebbe il caso di specificarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.