Opinioni Incluse Opinioni Incluse

Stragà e Têtes de Bois: cantautori (anche) a pedali tra salite, fatica e…le stelle di Margherita Hack

Stragà
A Opinioni Incluse, breve rotocalco streaming su Vitadueruote, in collegamento Federico Stragà (vi ricordate il tormentone “l’amore è un astronauta’?) e Andrea Satta dei Têtes de Bois. Cantautori accomunati dalla passione per la bicicletta.

Federico Stragà e Andrea Satta dei Têtes de Bois raccontano storie. Belle storie. Intense. Funziona così: si parte da esperienze di vita proprie, come ad esempio il senso di sofferenza, di debolezza durante la naja e rievocato dalla rullata-intro in ‘Debole‘ con due contendenti che impegnano salite l’uno su una Graziella sgangherata e l’altro su una bici da corsa supersonica. Oppure si prende in prestito la storia di una pioniera in bicicletta e la si srotola, a mò di copertone, dentro un”officina in cui una straordinaria Margherita Hack mette i panni sporchi di Alfonsina Strada nella struggente ‘Alfonsina e la bici’.

Federico Stragà, artista bellunese ma bolognese d’adozione, con la sua voce limpida e rotta solo a tratti dalla tenerezza manifesta,  si interroga sul vivere di chi vede tutto come una salita perché si sente debole (oppure è il contrario?).  E’ un pezzo che attinge all’epica, a venti di guerra dell’animo, preparandoti alla sfida: prima con te stesso e poi con gli altri. Clikki ‘Debole’ e riascolti un pezzo della tua vita, piccolo o grande che sia non ha importanza: quante volte ci siamo trovati di fronte qualcuno che ha detto  ‘andiamo‘, con noi a rispondergli ‘aspetta‘, lui a rilanciare con ‘corri!’ e noi a concludere con ‘basta!’? L’importante è camminare, seguire il proprio passo.. che abbiamo ‘più di un sasso nella tasca‘.

Andrea Satta dei Têtes de Bois, invece, è un ciclomobilista quotidiano che pedala in una periferia romana sempre più canicolare, rabbiosa ma allo stesso tempo caleidoscopica.  Attinge a piene mani dal suo mestiere ‘duro e puro’ di pediatra di frontiera e conserva il ‘vizio’ delle due ruote lente nonché del bel canto impegnato. E’ talmente innamorato della bici da averle creato un palco a pedali tutto intorno (!), Per la prima volta in assoluto, infatti, l’energia elettrica che illumina il palco e lo fa suonare è generata da oltre 100 spettatori volontari, che con le loro biciclette agganciate a uno speciale cavalletto collegato a una dinamo pedalano per tutta la durata dello spettacolo. Viva la rivoluzione (lenta e silenziosa)!

Palco a pedali
Il famoso Palco a Pedali dei Têtes de Bois

 

Un momento del video ‘Alfonsina e la bici’, con l’astrofisica Margherita Hack nei panni di Alfonsina Strada. Photocredits: Ufficio stampa Têtes de Bois

In ‘Alfonsina e la Bici‘ –  contenuta nell’albun Goodbike interamente dedicato alle due ruote – ci restituisce, in filigrana, la storia struggente di Alfonsina Strada, la pioniera che sfidò gli uomini al Giro d’Italia del 1924. Povera ma grande Alfonsina: fu lasciata sola, contro tutto e tutti, eppure, alla fine, arrivò lo stesso. E la folla che all’inizio era diffidente le si strinse addosso regalandole un bel premio in denaro grazie a una colletta improvvisata lì per lì. La sua non è stata una vita, ma un romanzo da viva.

A Vitadueruote.it mettiamo in onda una puntata con due artisti senz’altro sensibili (se no che artisti sarebbero!), che però nella sella e nel manubrio non ci  vedono affatto un feticcio dietro cui ripararsi per creare il cosiddetto ‘effetto alone’, ma un’autentica rappresentazione della vita di tutti giorni. Sognando la normalità.

Buon ascolto!

Vitadueruote è un blog giornalistico indipendente e totalmente autofinanziato. Questo consente di esercitare il diritto insopprimibile di critica pur rispettando – sempre – la verità sostanziale dei fatti.  Mi aiuti a sostenere il progetto con una semplice donazione? Sostieni Vita e potrai accedere anche come lettore partecipato proponendo contenuti, segnalando post o eventi. Cresciamo insieme?

 

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.